Prrrrrrrrrrr!

Il linguaggio degli Innamorati ha parole bambine.
E’ fatto di sillabe, suoni, neologismi comprensibili solo da chi – di quel gioco d’Amore – conosce le regole e i codici più profondi.
Il linguaggio degli Innamorati non comprende le parole conosciute da tutti. Quelle che, nel tempo, hanno sempre raccontato l’amore e sono diventate luogo comune.
Il linguaggio degli Innamorati non prevede la parola Amore.
E se la prevede è la parola meno sentita. Troppo sfruttata e svuotata di senso per diventare comunicazione per chi vorrebbe fare del gioco d’amore una nuova avventura delle parole.
Il linguaggio degli Innamorati prevede un vocabolario di parole a Due. Inventate e costruite con il gusto sottile di ricominciare da capo, di dire senza dire, di svelarsi senza scoprirsi.
Il linguaggio degli Innamorati spesso è silenzioso.
E’ fatto di sguardi, di linguacce, di sorrisi, di sensi opposti alla realtà del sentire.
Il linguaggio degli Innamorati dice ti odio per dire ti amo, non dice nulla per non dire tutto o in un unica parola – ai più ridicola, insensata, stupida – racchiude tutte le parole pensabili nella più lunga poesia d’amore mai scritta.

Nel nostro linguaggio di Innamorati tu giochi a non dire. Nascondi nell’ironia l’assurdo tentativo di non svelare le parole d’amore che ti viaggiano nell’anima.
Ed io sorrido ogni volta che ti sveli dietro a parole bambine che sanno di bronci, pernacchie, linguacce, suoni onomatopeici…
E’ un ritorno all’origine che da voce alla tua anima bambina.
E’ la parte di te che non conosce censure e che mi regala sorrisi di bambina con codini, scarpette di vernice e mani sporche di gelato che cola.
Ogni volta che mi regali una pernacchia mi viene voglia di giocare a gessetto, di dire “ce l’hai”, di confezionarti un anello di carta per condividere promesse che hanno il persempre di chi ancora ci crede.
Non mi dire che sei innamorato di me.
Se lo dici, non ci credo.
Fammi una pernacchia e sorridi…
E’ la nostra dichiarazione del Cuor
e.

(Letizia Cherubino)


Bookmark and Share


Lascia un Commento