Archivio di aprile 2012

MI VA.

“Ti va di camminare?”.
Certo che mi va. Mi va di fare qualsiasi cosa con lei.
Mi va di prolungare questa serata all’infinito.
Mi va di non spezzare l’incantesimo e di non vederla mai andare via.
Mi va di non dire mai ciao, buonanotte, a presto e tutte le altre parole che preparano un congedo.
Mi va. Con lei… Mi va.

(Da: “Accordi Dissonanti”.
Letizia Cherubino)


Bookmark and Share


Mi pre-occupo di Te.

Mi capita di preoccuparmi delle cose che non dici.
Delle cose che scrivi e poi cancelli. Dei puntini di sospensione che sono silenzi, respiri, sospiri, attesa di parole non dette.
Mi preoccupo di te che sei presenza-assenza.
Mi preoccupo in silenzio. Senza ansie. Attenta ma non pressante.
Più che pre-occuparmi… Mi occupo di te.
Con gesti che non vedi.
Parole che non ascolti.
Carezze che non senti.
Eppure… Ne sono certa…
L’eco di ogni mio gesto o respiro arriva a te.
Con un raggio di sole.
O in un soffio di vento.
E’ quando sorridi (e non sai perché) che io ci sono.
Arrivo a te per strade oscure che ti regalano sorrisi.

(Letizia Cherubino)


Bookmark and Share


La cosa più bella.

La cosa più bella di noi due è che non ti devo spiegare nulla.
Che parliamo lo stesso linguaggio.
Che non hai paura delle mie parole.
La cosa più bella di noi due è che non dobbiamo fare nulla per esistere. Che, con te, non temo il trascorrere del tempo e il peso della distanza.
La cosa più bella è che se ti dico “mi manchi”… Anch’io ti manco.
Se ho voglia di abbracciarti, tu ne hai altrettanta.
Se ti penso, già so che anche tu mi stai pensando…
La cosa più bella di noi due siamo Noi Due.
Il resto è cornice di un quadro perfetto di cui noi siamo i colori.

(Letizia Cherubino)


Bookmark and Share


Venti Secondi.

Venti secondi…
Sono i primi venti secondi a scrivere la storia di un rapporto, di un’alchimia, di una sintonia.
E’ in un tempo brevissimo che ci si riconosce.
Se pensate ad una qualsiasi persona che ha avuto senso o importanza nella vostra vita, vi renderete conto (anche dopo anni) che c’è una cosa che non avete mai dimenticato:
i primi venti fottutissimi secondi.

(Letizia Cherubino)


Bookmark and Share


I LIBRI di LETIZIA CHERUBINO


Bookmark and Share